DAL FOTOVOLTAICO SUL TETTO POTREMMO PRODURRE IL 25% DELL’ELETTRICITA’ EUROPEA

L’Europa potrebbe produrre quasi un quarto dell’elettricità con il solo fotovoltaico su tetto. A rivelarlo un recente studio pubblicato su Renewable and sustainable energy review intitolato “A high-resolution geospatial assessment of the rooftop solar photovoltaic potential in the European Union”. La ricerca tenta di calcolare qual’è il reale potenziale del fotovoltaico su tetto in Europa, utilizzando i dati geo spaziali, quelli catastali e correlandoli grazie al machine learning (apprendimento automatico) e fornendo una valutazione affidabile della potenziale produzione di elettricità da fotovoltaico, con una risoluzione spaziale di soli 100 metri.

Le potenzialità, secondo lo studio, sono decisamente elevate: i ricercatori hanno valutato che i tetti dell’Ue potrebbero potenzialmente produrre 680 TWh di elettricità solare ogni anno (che rappresentano il 24,4 per cento del consumo attuale di elettricità), due terzi dei quali a un costo inferiore alle attuali tariffe residenziali.

“La nuova direttiva dell’Ue ha fissato la quota di rinnovabili al 32% nel consumo finale lordo di energia, entro il 2030”,scrivono i ricercatori. “Per raggiungere questo obiettivo, l’Ue deve aumentare il suo utilizzo di energie rinnovabili nel settore dell’energia elettrica di un importo molto più elevato [rispetto ad ora] e una parte significativa di questa quota può venire dagli impianti solari”.

Secondo le più recenti analisi pubblicate da Bloomberg e alle quali fa riferimento anche lo studio, si calcola che l’aumento della domanda di elettricità in Europa entro il 2030 sarà relativamente lieve (da 3.454 TWh nel 2017 a 3.566 TWh nel 2030). Per rispettare gli obiettivi energetici che puntano sulla transizione e decarbonizzazione del settore, il contributo delle rinnovabili al settore energetico dovrà comunque aumentare almeno del 65%, con quello solare che dovrà raggiungere i 440 Twh/anno. Questo significa dare spazio a milioni di nuovi impianti fotovoltaici sui tetti europei.

Per maggiori informazioni vai al sito www.e-distribuzione.it